NOI SIAMO
QUELLI CHE...

Pensano che le informazioni sullo stato di salute delle persone e delle comunità, sulle malattie e gli infortuni, sulle cause di entrambi...costituiscano una premessa indispensabile per fare prevenzione;
Offrono alle istituzioni, ai corpi intermedi della società...valutazioni, proposte, azioni di informazione e formazione con l'intento di partecipare...;
Non hanno conflitti di interesse...per cui sono liberi di dire ciò che pensano
Comunicano in modo trasparente...
Non hanno tra gli obiettivi prioritari la difesa di categorie o di singole figure professionali...
Cercano un continuo confronto con le altre Società scientifiche che operano nel mondo della prevenzione...
Non hanno mai smesso di credere nella necessità di un sistema pubblico di prevenzione diffuso in tutto il paese, in grado di garantire il diritto alla salute e di contrastare le diseguaglianze.
Pensano che la solidarietà e la partecipazione siano ancora valori indispensabili.
Precedente
Successivo

Udine, 15 ottobre 2019: “Telefonano che c’è un incendio su una nave…”

Condividi con:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tempo di lettura: < 1 minuto

Tempo di lettura: < 1 minuto

Uno spettacolo teatrale basato sul racconto, di grande forza evocativa, di una tragedia ancora viva nella memoria, a distanza di oltre 30 anni. Una storia di subappalti e lavoro irregolare, di lavoro senza sicurezze in ambienti confinati. 13 lavoratori  – quasi tutti non ancora quarantenni e alcuni al primo giorno di lavoro  – morti per asfissia all’interno di un sistema di cunicoli. Il disastro della Elisabetta Montanari ricostruito attraverso la testimonianza di chi a suo tempo contribuì alla ricostruzione degli eventi.

 

 

ULTIMI ARTICOLI

RIMANI AGGIORNATO