NOI SIAMO
QUELLI CHE...

Pensano che le informazioni sullo stato di salute delle persone e delle comunità, sulle malattie e gli infortuni, sulle cause di entrambi...costituiscano una premessa indispensabile per fare prevenzione;
Offrono alle istituzioni, ai corpi intermedi della società...valutazioni, proposte, azioni di informazione e formazione con l'intento di partecipare...;
Non hanno conflitti di interesse...per cui sono liberi di dire ciò che pensano
Comunicano in modo trasparente...
Non hanno tra gli obiettivi prioritari la difesa di categorie o di singole figure professionali...
Cercano un continuo confronto con le altre Società scientifiche che operano nel mondo della prevenzione...
Non hanno mai smesso di credere nella necessità di un sistema pubblico di prevenzione diffuso in tutto il paese, in grado di garantire il diritto alla salute e di contrastare le diseguaglianze.
Pensano che la solidarietà e la partecipazione siano ancora valori indispensabili.
Precedente
Successivo

I regolamenti REACH e CLP hanno rivoluzionato le gestione delle sostanze chimiche, delle miscele e dei preparati. Su questo tema alcuni elementi e riflessioni- L’annuncio della iniziativa del 16 dicembre 2013

Condividi con:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tempo di lettura: < 1 minuto

Tempo di lettura: < 1 minuto

Il recente Convegno Nazionale di Bologna e un successivo corso di aggiornamento sulle SDS estese promosso dall’ASL di Modena ( vedi nota 1), danno l’occasione per fare il punto sullo sviluppo delle attività di informazione e vigilanza sull’applicazione dei due regolamenti e sulla interconnessa legislazione sociale per la protezione dei lavoratori da agenti chimici, cancerogeni e mutageni, amianto. Celsino Govoni, dell’ASL di Modena, ha affrontato i punti cruciali dei regolamenti che delineano un sistema informativo con immediate ricadute sui diversi soggetti sull’uso sicuro delle sostanze e delle miscele. L’attenzione sulla qualità e sulla corretta diffusione delle SDS e sulle SDS estese deve diventa re quindi una priorità per l’azione di vigilanza dei servizi. Per continuare a leggere scarica gli allegati.

 

Aggiornamento 22/11/2013

Se lo desideri, sostienici con una donazione

ULTIMI ARTICOLI

RIMANI AGGIORNATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.