NOI SIAMO
QUELLI CHE...

Pensano che le informazioni sullo stato di salute delle persone e delle comunità, sulle malattie e gli infortuni, sulle cause di entrambi...costituiscano una premessa indispensabile per fare prevenzione;
Offrono alle istituzioni, ai corpi intermedi della società...valutazioni, proposte, azioni di informazione e formazione con l'intento di partecipare...;
Non hanno conflitti di interesse...per cui sono liberi di dire ciò che pensano
Comunicano in modo trasparente...
Non hanno tra gli obiettivi prioritari la difesa di categorie o di singole figure professionali...
Cercano un continuo confronto con le altre Società scientifiche che operano nel mondo della prevenzione...
Non hanno mai smesso di credere nella necessità di un sistema pubblico di prevenzione diffuso in tutto il paese, in grado di garantire il diritto alla salute e di contrastare le diseguaglianze.
Pensano che la solidarietà e la partecipazione siano ancora valori indispensabili.
Precedente
Successivo

L’AIDS è sempre un problema in Italia e nel mondo

Condividi con:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tempo di lettura: < 1 minuto

Tempo di lettura: < 1 minuto

Giornata Mondiale dell’Aids – 1 dicembre 2015

Non bisogna abbassare la guardia nei confronti di questa malattia, perché rappresenta ancora un’epidemia mondiale e un problema anche in Italia come emerge dagli allegati dell’Istituto Superiore di Sanità per la situazione Italiana.

Nei Tanti Seminari del 1 dicembre è emerso che se passi in avanti decisivi sono stati fatti per le cure ( per la conoscenza del virus e la disponibilità di terapie avanzate ), moltissimo rimane da fare in termini di informazione che rafforzi nella popolazione e nei gruppi a rischio e nei giovani la percezione del rischio, la prevenzione che orienti e convinca a comportamenti responsabili, sulla importanza di fare il test per arrivare ad una diagnosi precoce di sieropositività.

Il Piano Nazionale Prevenzione ed i Piani Regionali ovviamente ne parlano ma occorre investire anche in risorse di sanità pubblica, nei servizi MTS (Malattie Sessualmente Trasmesse), nella capacità moderna di comunicare e informare se vogliamo veramente fare dei passi in avanti anche nei confronti delle altre infezioni sessualmente trasmesse quali clamidia, herpes, trichomonas, sifilide ecc.

Se lo desideri, sostienici con una donazione

ULTIMI ARTICOLI

RIMANI AGGIORNATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.