NOI SIAMO
QUELLI CHE...

Pensano che le informazioni sullo stato di salute delle persone e delle comunità, sulle malattie e gli infortuni, sulle cause di entrambi...costituiscano una premessa indispensabile per fare prevenzione;
Offrono alle istituzioni, ai corpi intermedi della società...valutazioni, proposte, azioni di informazione e formazione con l'intento di partecipare...;
Non hanno conflitti di interesse...per cui sono liberi di dire ciò che pensano
Comunicano in modo trasparente...
Non hanno tra gli obiettivi prioritari la difesa di categorie o di singole figure professionali...
Cercano un continuo confronto con le altre Società scientifiche che operano nel mondo della prevenzione...
Non hanno mai smesso di credere nella necessità di un sistema pubblico di prevenzione diffuso in tutto il paese, in grado di garantire il diritto alla salute e di contrastare le diseguaglianze.
Pensano che la solidarietà e la partecipazione siano ancora valori indispensabili.
Precedente
Successivo

Performance ambientali – Italia 2013

Condividi con:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tempo di lettura: < 1 minuto

Tempo di lettura: < 1 minuto

L’OECD ha prodotto una breve ed interessante sintesi del rapporto sulle performance ambientali dello Stato Italiano per il 2013, di seguito pubblicata. Negli ultimi 20 anni (1990-2010) sul versante dellatutela ambientale sono stati riscontrati alcuni miglioramenti : sono diminuite le emissioni di inquinanti in atmosfera ed il trattamento dei rifiuti èstato indirizzato opportunamente verso il recupero di materia piuttosto che verso lo smaltimento in discarica e l’incenerimento. Sono inoltre migliorate la tutela della biodiversità e la qualità delle acque superficiali. Quanto sopra soprattutto a causa della normativa adottata per la tutela ambientale ( in particolare ilcodice per l’ Ambiente del 2006) , della riduzione della cresciuta economica avvenuta in questi anni ed, in seguito, della recessione legata alla crisi economica mondiale del 2008 e 2009. Per continuare a leggere scarica gli allegati.

Se lo desideri, sostienici con una donazione

ULTIMI ARTICOLI

RIMANI AGGIORNATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.