NOI SIAMO
QUELLI CHE...

Pensano che le informazioni sullo stato di salute delle persone e delle comunità, sulle malattie e gli infortuni, sulle cause di entrambi...costituiscano una premessa indispensabile per fare prevenzione;
Offrono alle istituzioni, ai corpi intermedi della società...valutazioni, proposte, azioni di informazione e formazione con l'intento di partecipare...;
Non hanno conflitti di interesse...per cui sono liberi di dire ciò che pensano
Comunicano in modo trasparente...
Non hanno tra gli obiettivi prioritari la difesa di categorie o di singole figure professionali...
Cercano un continuo confronto con le altre Società scientifiche che operano nel mondo della prevenzione...
Non hanno mai smesso di credere nella necessità di un sistema pubblico di prevenzione diffuso in tutto il paese, in grado di garantire il diritto alla salute e di contrastare le diseguaglianze.
Pensano che la solidarietà e la partecipazione siano ancora valori indispensabili.
Precedente
Successivo

A Modena il 17 febbraio la Fondazione Marco Biagi presenta i risultati di una mappatura critica dei disturbi muscoloscheletrici correlati al lavoro

Condividi con:

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email
Stampa

Tempo di lettura: < 1 minuto

Tempo di lettura: < 1 minuto

Disponibile al seguente link, oltre alla locandina di presentazione del seminario, il report completo della ricerca: http://www.fmb.unimore.it/on-line/home/eventi/seminari/articolo5327.html

Le malattie dell’apparato muscolo scheletrico rappresentano ormai da tempo nel loro complesso le patologie professionali di gran lunga maggiormente denunciate e riconosciute dall’INAIL.

 

Questo dato, allineato a quello che da molto più tempo è l’andamento internazionale, è sicuramente conseguenza dell’inadeguatezza del mondo produttivo di fare fronte compiutamente alle problematiche organizzative sempre più emergenti in lavori usuranti che impongono ritmi eccessivi e un significativo sovraccarico biomeccanico a carico dell’apparato muscolo scheletrico.

Non bisogna però scordare che la genesi di queste patologie é da considerarsi multifattoriale, essendo influenzata, tra l’altro, anche da fattori genetici e ormonali, da patologie concomitanti, dalle differenze di genere e da differenze sociali in larga parte causa di differenze nell’esposizione a fattori ergonomici sul lavoro.

Di sicuro poi emerge, dalla attenta lettura dei dati forniti dall’INAIL, come vi siano significative differenze territoriali nel riconoscimento di queste patologie, giustificate non solo da un fattore di carattere “istituzionale” sia nell’andamento delle denunce che dei riconoscimenti, quanto soprattutto dalla forte influenza di fenomeni locali, al netto della conformazione produttiva.

Su questi temi, la Fondazione Marco Biagi dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ha svolto lungo l’anno 2016 una ricerca denominata Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro: una mappatura critica, i cui risultati saranno presentati e discussi nel corso del Seminario che si terrà a Modena il 17 febbraio 2017 alle ore 14,30. Disponibile al seguente link (ancora in fase di definizione) la locandina di presentazione del seminario e a partire da inizio febbraio il report completo della ricerca: http://www.fmb.unimore.it/on-line/home/eventi/seminari/articolo5327.html

Se lo desideri, sostienici con una donazione

ULTIMI ARTICOLI

RIMANI AGGIORNATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *