NOI SIAMO
QUELLI CHE...

Pensano che le informazioni sullo stato di salute delle persone e delle comunità, sulle malattie e gli infortuni, sulle cause di entrambi...costituiscano una premessa indispensabile per fare prevenzione;
Offrono alle istituzioni, ai corpi intermedi della società...valutazioni, proposte, azioni di informazione e formazione con l'intento di partecipare...;
Non hanno conflitti di interesse...per cui sono liberi di dire ciò che pensano
Comunicano in modo trasparente...
Non hanno tra gli obiettivi prioritari la difesa di categorie o di singole figure professionali...
Cercano un continuo confronto con le altre Società scientifiche che operano nel mondo della prevenzione...
Non hanno mai smesso di credere nella necessità di un sistema pubblico di prevenzione diffuso in tutto il paese, in grado di garantire il diritto alla salute e di contrastare le diseguaglianze.
Pensano che la solidarietà e la partecipazione siano ancora valori indispensabili.
Precedente
Successivo

Programma HEAT SHIELD: un contributo di CeRIMP

Condividi con:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tempo di lettura: < 1 minuto

Tempo di lettura: < 1 minuto

Miriam Levi del Centro Regionale Infortunie Malattie Professionali Regione Toscana (CeRIMP) di Firenze ha presentato al Seminario di Cesena del 22 aprile 2017 la relazione allegata.

Partendo dalla cronaca che riporta casi di caduti sul lavoro per l’eccesso di calore anche in ambiente non confinato, ai cambiamenti climatici di questo inizio di secolo, alle patologie ed ai danni dovuti all’esposizione a temperature troppo elevate, al progetto europeo Heat Shelds, illustrando anche le iniziative dell’OMS e del Ministero della Salute.

Sono proposti una serie di articoli di cronaca sul tema dei danni dovuti all’eccesso dei temperatura e sono elencate fonti scientifiche con studi sulle cause delle morti legate alla temperatura.

 

ULTIMI ARTICOLI

RIMANI AGGIORNATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *